Ultime recensioni

martedì 4 aprile 2017

Come esaudire un desiderio di Eli Easton


Il dottor Jason Kunik sta lavorando a un progetto di genetica che non ha precedenti: la mappatura del DNA di una nuova specie, i mutevoli, cani in grado di assumere la forma umana. Il problema è che nessuno conosce l’esistenza di queste creature e Jason non può tradire la sua gente pubblicando i suoi studi. Quando si trasferisce a Mad Creek per continuare la sua ricerca in una città dove vivono molti mutevoli, è alla ricerca di pace e tranquillità per seppellirsi nel suo lavoro. Forse, se riuscirà a scoprire cosa attiva la mutazione, riuscirà a mettere a tacere per sempre il proprio cane interiore.
Milo è un cane da conforto in un istituto per malati terminali, luogo al quale si è affezionato e in cui ha visto morire molti pazienti che amava. Milo percepisce istintivamente la malattia e il dolore a un livello spirituale che la maggior parte delle persone non può capire. Quando acquisisce la capacità di diventare uomo, crede di aver finalmente ottenuto tutto quello che voleva. Ma essere un umano non vuol dire per forza essere amati, e trovare rifugio a Mad Creek non è la stessa cosa che trovare una casa tutta sua.
Quando una misteriosa malattia colpisce Mad Creek e minaccia tutta la città dei mutevoli, tocca allo scienziato e al cane da conforto capire di cosa si tratti e come fermarla. Lungo la strada potrebbero anche scoprire che il vero amore è possibile, se lo si desidera guardando le stelle.

Questo è il terzo libro della serie “Come ululare alla luna”, ma può essere letto come uno stand-alone.
Tutte le storie legate a Mad Creek sono particolarmente dolci, ma il personaggio di Milo fa sì che questa lo risulti particolarmente. Mentre Jason è un “freddo” scienziato che non libera il suo cane interiore da più di un decennio e che vuole essere distaccato e non lasciarsi travolgere dal chiassoso branco di Mad Creek, Milo è di un’innocenza disarmante, affamato d’affetto, adora il contatto fisico e vuole abbracciare e confortare tutti. All’apparenza non avrebbero nulla in comune, ma Milo smuove qualcosa in Jason, portando in superficie il suo lato più sensibile.
Ritroviamo anche vecchi personaggi, vediamo l’evolversi del rapporto tra Tim e Lance e Matt e Roman sono più innamorati che mai. Lily, la madre di Lance, è sempre impicciona ed invadente come al solito. Insomma a Mad Creek nulla è cambiato. Almeno finché uno strano virus, che fa regredire tutti alla forma animale, si diffonde e crea scompiglio.
Jason, che non si è mai sentito di appartenere al branco, ha così l’opportunità di dimostrare che i suoi studi sono importanti e di salvare anche molte vite. E con Milo al suo fianco, in grado si smussare il suo carattere spigoloso, forse potrebbe anche essere in grado di diventare una persona migliore e, soprattutto, trovare così l’amore che non credeva di desiderare.
Milo, mutato da pochissimo tempo, deve abituarsi a pensare ed agire come un uomo, ma per lui la cosa più importante resta trovare una casa e qualcuno da amare che non lo lasci più solo. Fa una grande tenerezza con i suoi abbracci per tutti, il suo desiderio di contatto e la sua paura di restare di nuovo solo.
Insomma una storia dolce, ricca di emozioni e di amore non solo umano, ma anche canino. Chi ha letto i precedenti libri della serie non potrà farsi sfuggire anche questo.


C’era da dire poi che Milo sembrava aver toccato qualche corda in lui. Il suo cuore, forse? Buon Dio, sperava davvero che non fosse così! Jason sapeva benissimo come ci si sentisse a non provare nessun senso di appartenenza. E nessuno meritava di essere trattato come un… regalo indesiderato durante lo scambio dei doni a Natale.

Dio. Quella era una cosa… senza precedenti. Il cuore gli era uscito dal petto e adesso era esposto, colmo e palpitante di sentimenti per Milo, seppur metaforicamente. Una piccola parte del suo cervello si meravigliò di quanto si fosse affezionato a Milo… tanto affezionato… e di come fosse successo troppo in fretta.

Paradiso. Si sentiva al settimo cielo. Era come svegliarsi da un incubo e ritrovarsi sano e salvo. Come entrare in porto dopo un viaggio infinito. Come collegare la spina a una presa di corrente un attimo prima di spegnersi. Era come Milo.

ELI EASTON è stata in momenti diversi e con nomi diversi la figlia di un ministro di culto, una programmatrice di computer, una designer di videogiochi, l’autrice di storie su misteri paranormali, una scrittrice di fan fiction, una coltivatrice diretta e una gran dormigliona. Adesso sta vivendo una nuova e felice incarnazione, questa volta come autrice di storie m/m.

In quanto avida lettrice di tale genere, è felice quando un autore, nelle sue storie, riesce a combinare qualità letteraria, umorismo, bollenti scene sexy e dolcezza strappalacrime. Si è ripromessa di impegnarsi il più possibile a raggiungere il meglio di questa combinazione. Attualmente vive in una fattoria in Pennsylvania con suo marito, tre bulldog, tre mucche e sei galline. Tutti loro (eccetto il marito) sono femmine, cosa che spiega gli uomini nudi che hanno preso la residenza nei suoi ultimi lavori.


Nessun commento:

Posta un commento