Ultime recensioni

lunedì 20 luglio 2015

Foulard e vecchi merletti - Ledra


Quei capelli erano splendidi. Sentì montare un dolore lancinante, sordo, possente. Lo vide eruttare e diventare lava incandescente." Qual è il segreto di Rosalba Serpentoni, parrucchiera di giorno e cameriera di notte, che sogna il grande amore e finisce per essere sospettata della scomparsa di alcune donne, colpevoli solo di avere chiome fluenti? Rosalba odia le donne con tanti capelli, ha una passione-ossessione per i foulard firmati da cui non si separa mai, ed è segretamente innamorata del maresciallo Giacomo Meleuca. Sulla nave da crociera dove si intrecciano sospetti, equivoci e attrazioni fisiche, vapori di sauna, messe in piega, cene succulente e tanghi sensuali, balli sfrenati in discoteca e cieli stellati che fanno sognare, ci si incammina pian piano verso un finale che sembra scontato ma non lo è.





Misterioso, intrigante, a tratti inquietante, con una giusta carica sessuale .
Il nuovo libro di Ledra è tutto questo e molto di più. Sa sorprendere ed incuriosire. Chi l'ha detto che le trame devono essere scontate e banali per attirare l'attenzione del lettore ? Non sottovalutate il fattore suspance....potreste restare a bocca aperta....

Rosalba, stufa di fare la parrucchiera di quartiere, vuole dare una svolta alla svolta alla sua vita svolgendo la sua professione in una nave da crociera.
Un alone di mistero, circonda questo personaggio. L'aitante maresciallo Meleuca indaga su di lei in quanto sospettata di essere gravemente coinvolta nella scomparsa della sua amica Morena.
Quando prende il largo con la nave, viene  raggiunta anche da alcune sue clienti e anche dal sexy maresciallo. Tra una nuotata in piscina, un taglio di capelli e misteriose sparizioni, questo viaggio per mare sarà tutt'altro che rilassante!


Si tratta di un romanzo estremamente breve ma la scrittrice ha saputo creare, in poche pagine, una storia che ricorda gli anni 40 e il cinema in bianco e nero, quando la trama era abbozzata e uno sguardo diceva molto più di tante parole.
Rosalba è un frullato di emozioni incoerenti e aggressività. Una frustrazione apparentemente immotivata le fa commettere le più efferate azioni contro le sue stesse amiche. Una fiducia in se stessa smisurata le da il coraggio di ostentare una sessualità forte e convinta.
Ci sono motivazioni ben precise per questo comportamento così eccentrico e discutibile, ma lascio a voi il piacere di scoprirle. 

Il maresciallo Meleuca, non riesce a eliminare il sospetto dalla parrucchiera dalle curve vertiginose, ne è attratto ma rimane guardingo...i suoi sospetti saranno fondati o cederà alla lussuria ?

Senza svelare nulla, mi piacerebbe analizzare con voi alcuni aspetti che ritengo rilevanti di questo romanzo.

I foulard. Alla nostra protagonista piacciono tanto, sono dei catalizzatori della sua femminilità che si manifesta in modo decisamente aggressivo. Devono essere di marca, tessuto pregiato e colori sgargianti...ma fate attenzione quando Rosalba ne indossa uno!!
I capelli. Quante volte vi è capitato di incrociare per strada una donna e fissare su di lei il il vostro sguardo nel punto esatto dove vi sentite più deboli ? Per capire se siete più forte in quel determinato settore. 
La protagonista, è ossessionata dai capelli, ma non per via del suo lavoro e non è affetta da una strana sindrome ossessiva per le acconciature. No, lei vuole possedere i capelli delle altre donne. Quelli, sani, forti e fluenti.
Le descrizioni. Il romanzo è breve quindi è normale che la scrittrice non si sia dilungata in molti aspetti ma si evince dalla lettura che ci tiene in modo particolare a darci un'idea ben precisa di cosa indossano i suoi personaggi, dettagli precisi come marca, colore e abbinamenti. L'ho trovato strano ma gradevole .

Lo stile è scorrevole e reso incalzante dai pensieri interiori della protagonista. I narratori non sono solo Rosalba e Meluca ma ognuno ha la sua piccola particina nel raccontare i fatti misteriosi di questo romanzo.

Ledra si è già presentata alle lettrici di questo blog, e non solo , con il libro scritto a quattro mani insieme a Loi "Il cielo è sempre più rosa" edito You Feel. Questa volta la troviamo in un'opera da solista globalmente differente dalla precedente, ma non per questo meno apprezzata. 
Le auguro tanta fortuna ed esprimo la mia totale riconoscenza per avermi consentito di leggere il suo romanzo.
  




Nessun commento:

Posta un commento