Ultime recensioni

giovedì 7 settembre 2017

LA ROSA DEL DESERTO - Ishtar La Sacerdotessa di Maria e Lina Giudetti


TITOLO: Ishtar La Sacerdotessa
AUTORE: Maria e Lina Giudetti
EDITORE: Self publishing
SERIE: #1, La Rosa Del Deserto

Lei è Ishtar, la somma sacerdotessa di Uruk e lui è Dungir, il re della Sumeria. Bella e orgogliosa, con i capelli rosso fuoco e gli occhi verde smeraldo, lei cattura da subito l'attenzione di lui. Figlia e unica erede di un potente re barbaro, Ishtar è ancora in fasce quando l'aspra guerra tra i due popoli che vede vittoriosi i Sumeri, muta per sempre il suo destino rendendola una schiava. Schiava di una razza che non le appartiene e schiava d'amore del re sumero che la sceglie come concubina quando lei è ancora giovanissima. Nonostante il sangue barbaro che scorre nelle sue vene le urli che sottomettersi non sia il suo destino, Ishtar cede agli ordini del suo sovrano. Lui può tutto, anche decidere della sua vita, mentre lei non può nulla. A legarla a lui tuttavia, non è il comando di un'indiscutibile autorità reale ma è il richiamo del suo cuore. Dal primo sguardo, un sentimento forte e passionale li soggioga fino a renderli dipendenti l'uno dall'altra. Dungir è affascinante, sensuale e caparbio ma alterna con lei dolcezza a crudeltà, ricordandole il suo ruolo di schiava. Lei rappresenta per lui l'appagamento di una semplice lussuria finché una serie di eventi, cambierà tutto. Potrà mai scoprire anche lui di amarla e di volere solo lei al suo fianco? E se quando questo accadesse fosse già troppo tardi?


Non so davvero come iniziare la recensione perché wow! Questo libro mi ha davvero conquistata!
Amo il romance storico, i romanzi ambientati nella Londra ottocentesca hanno sempre avuto un grande fascino su di me e leggendo la trama di questa storia, completamente diversa dalle altre, ho deciso di mettermi in gioco e vivere per qualche ora in anni ancora più antichi.
Ho letto di re, di templi, di ziggurat, di Ur e Susa, di gutei e sumeri. E' stato bellissimo! 
Più giravo le pagine e più ero curiosa e affascinata. Penso sia davvero difficile affrontare un genere come questo, cercare di non scrivere banalità per non sfociare in un fantasy. Mi complimento con le autrici! Sono riuscite a non farmi pensare neanche una volta: "Ma questa informazione mi sembra sbagliata, non ha senso!"
Evito di dilungarmi troppo e vi parlo della storia!

Lei si chiama Safiye, è la principessa dei gutei. Rimasta orfana a pochi mesi, è stata lasciata in un tempio di sacerdotesse dal re dei sumeri, il distruttore della sua famiglia e del suo popolo.

"Voglio fare di lei un esempio vivente di obbedienza delle nostre leggi.
Sarà lo strumento della mia vendetta, la punizione che il grande re Ur-Nammo infligge a coloro che si rifiutano di rispettare il codice da me stabilito."
"Quindi cosa ne sarà di lei?"
"Lavorerà come sacerdotessa in uno dei miei templi e il suo nome sarà Ishtar la grande. Sarà allevata come sumera."

Bellissima e intelligente, conquista l'attenzione del nuovo re Dungir e se ne innamora perdutamente.



Dungir è folgorato dalla giovane sacerdotessa: arguta, ribelle, splendida sa di volerla subito. E' accecato dalla passione. Sarà sua per sempre. La desidera tanto da infrangere le regole e tradire sua moglie.  
"Sono il padrone di questa terra, Ishtar, l'unico che può decidere della tua vita o della tua morte. Devi imparare a non disobbedirmi. 
Insieme sono come fuoco. Non può allontanarsi da lei. La sua passione non finirà mai.




Ishtar sa che il suo amore non è ricambiato. Il re la considera un oggetto, ma non può fare a meno di lui. Si sacrifica, mette il suo orgoglio da parte e accetta di diventare la sua concubina.
Non potranno mai stare insieme. Lei è una schiava. Una straniera. Anche se lui la amasse un futuro accanto a lui è impensabile. Così soffre in silenzio, in attesa che lui la lasci e le spezzi il cuore.
L'unico che le arreca conforto è la sua guardia del corpo, Haghar.
Il soldato riesce a distrarla dalla sofferenza, le insegna di nascosto a combattere, ad affrontare i suoi sentimenti. E' un confidente, un vero amico tra le mura che hanno le orecchie. Peccato che nasconda dei segreti...

Passano gli anni e Ishtar e Dungir sono sempre più legati, affrontano grandi ostacoli e ne escono vittoriosi sempre insieme.


"Pronunciate la vostra punizione mio signore e io obbedirò."

"E se ti chiedessi l'impossibile?"













Lo amava. Non importa perché, ma le cose stavano così. Lo amava nonostante la sua arroganza e nonostante la sua meschinità. Lo amava semplicemente per quello che era, un uomo, e lei aveva bisogno di lui. 

La situazione si complica quando una giovane nobile studentessa della scuola di Ishtar entra in scena e pretende il trono e il cuore di Dungir. Spietata e crudele farà di tutto per separare i due amanti. Non si arrenderà fino a quando non otterrà il suo premio. 


Ishtar deve proteggere in tutti i modi se stessa e il segreto che cela. Con Dungir partito per la sua prima spedizione dovrà compiere l'impensabile. Tradire colui che ama di più. E forse trovare per la prima volta la via che conduce alla sua vera casa.

"Non mi interessa cosa sei. Mi importa solo come mi sento quando sei con me. Quando sono da solo, mi sento confuso e incapace di esprimere le mie emozioni, mentre quando siamo insieme, riesco a vedere tutto chiaramente." 


"Sono disposto a rinunciare ai piaceri della carne pur di averti accanto, perché sei come l'aria che respiro e ho bisogno di vederti e sentire la tua voce." 

Magnifico! Non vedo l'ora di leggere i prossimi libri e vedere come continuerà questa bellissima storia! Ritrovare il dolcissimo Dungir e la guerriera Ishtar. Ve lo consiglio tantissimo! Ti tiene incollata alle pagine senza lasciarti andare un attimo. L'ambiente è descritto davvero bene. L'amore traspare da ogni gesto. Tutto fantastico. Sono appena diventata una fan di Ishtar e delle due bravissime autrici. 
Indimenticabile. 



Nessun commento:

Posta un commento