Ultime recensioni

giovedì 29 giugno 2017

Review Party: NON AVRAI SEGRETI di Penelope Ward





Sin dal loro primo incontro, l’attrazione tra Elec e Greta è irresistibile. Ma se lei è dolce e gentile, lui si comporta in modo stranamente scontroso e aggressivo. Greta però non riesce a smettere di cercarlo: è sicura che sotto quella corazza di tatuaggi e muscoli lui nasconda un cuore tenero e che, dietro il suo sguardo glaciale, ci sia un desiderio feroce, capace di portarla all’estasi. Quando finalmente Greta riesce a conquistarlo, provando sensazioni a lei sconosciute sino a quel momento, una questione famigliare costringe Elec a tornare in California… Dopo sette anni, Elec e Greta s’incontrano ancora. Lei si è ricostruita una vita, mettendo da parte i sentimenti che l’hanno tenuta a lungo legata a lui. Lui ha una nuova compagna di cui sembra essere sinceramente innamorato. Ma è davvero tutto cambiato? Quando un brivido le percorre la schiena, Greta ha un cattivo presentimento: il suo cuore sta per spezzarsi ancora…
Fisicamente era un sogno, e sotto tutti gli altri punti di vista era un incubo.


Sei l'unica ragazza che non posso avere, e proprio per questo ti voglio più di tutte le altre.


Bentornate Cosmo seguaci... Non posso dire che sia stato un piacere leggere questo libro, mentre leggevo mi sembrava di conoscere già la storia, un angolo del mio cervello l'aveva immagazzinata nel dimenticatoio purtroppo. Ho letto il romanzo in lingua originale con il titolo "Stepbrother Dearest", nel 2014, e piano piano nella mia testa le immagini di qualcosa di già visto e letto si sono messe più a fuoco. Diciamo che ho fatto un ripasso. Il romanzo lo consiglio ovviamente a un pubblico adulto per via delle scene di sesso. Scene non tanto spinte ma pur sempre calde. "Non avrai segreti" narra le vicende di una coppia di ragazzi che si trovano a condividere la stessa casa e gli stessi genitori. Se pensate dii avere a che fare con un rapporto che si basa sull'incesto non è così. Elec e Greta sono fratellastri, nessun legame di sangue. Greta è una persona sincera, gentile, e cercherà di legare con il suo fratellastro cercando di reprimere il desiderio, è una ragazza molto sveglia per la sua età ed è attratta da Elec nell'istante in cui metterà piede in casa. Elec è il peccato... è tatuato e dietro ad ogni tatuaggio si cela una storia, ha dei piercing che sono la fine del mondo... E nel momento in cui lui metterà piede nella casa del padre che lo odia, la sua unica missione sarà far soffrire Greta; ma con il passare del tempo i due non possono negare la chimica e l'attrazione che provano l'uno per l'altra. Il romanzo è interamente raccontato dalla protagonista, una protagonista che appare innocente, vergine ma che immagina quanto sarebbe fantastico se Elec realizzasse tutti i suoi desideri... Ed Elec non riuscirà più a frenare i suoi impulsi così, prima di ritornare in California per cause di forza maggiore, decide di aprirsi con Greta. 
Greta ed Elec condivideranno una notte che resterà per sempre nella loro mente e nel loro cuore... Ma gli anni passano, loro crescono e si perdono di vista. Sette anni dopo si ritroveranno a condividere un momento di dolore ma Elec si è rifatto una vita, ora ha accanto una ragazza che ama... Riusciranno, quando si rivedranno, a frenare la passione che in passato li ha uniti? Chelsea sarà un ostacolo?
In questo romanzo vedremo l'evolversi dei protagonisti, la loro percorso evolutivo ma quello che non cambierà saranno i sentimenti che provano. L'amore è sempre lo stesso, solo più intenso e forte.
Elec è il fratellastro più caro di Greta, così come Greta è la sorellastra più cara di Elec. Nei sette anni trascorsi distanti avranno una crescita interiore. Elec diventerà un assistente sociale, sempre con la passione per la scrittura e Greta lavorerà in uno studio a NY.
Non posso dire che questo romanzo mi abbia coinvolta e appassionata, speravo in qualcosa di meno "già letto" e non così sbrigativo e a tratti poco credibile... tutto sommato è una lettura scorrevole, anche se in alcuni punti ripetitiva. Poco impegnativa.

Tra noi si era già creato un legame che sembrava esistere da sempre, e che ora stava per essere spezzato.


Non mi ero mai sentito legate così a una persona. Lei si era donata pienamente a me. Mi apparteneva, e l'ho buttata via.




Nessun commento:

Posta un commento