Ultime recensioni

mercoledì 3 maggio 2017

DESTINI INCROCIATI Giulia Ross


Titolo: Destini incrociati
Pubblicazione: Newton Compton Editori 24/04/2017
Autore: Giulia Ross
Genere: Contemporaneo NA 
Autoconclusivo

Amy Smith lavora in un caffè e abita in un piccolo monolocale nella periferia di Houston. È riservata, scontrosa e abitudinaria. Ogni martedì e giovedì pranza al Red Dragon, un ristorante cinese dove riesce a rilassarsi. Amy non si è ancora accorta che in quel locale qualcuno la osserva in silenzio e aspetta il suo arrivo. Finché un giorno, partecipando alle riprese di una specie di gioco che verrà trasmesso su YouTube, Amy conosce Cai, il ragazzo che lavora al ristorante. All’inizio è quasi infastidita dall’odore di fritto che lui emana, ma quando le sue braccia la stringono, qualcosa cambia. Cai inizia a corteggiarla: ha dei modi di fare eleganti ed è molto delicato. Ma il suo passato è inaccessibile. La sua storia prima del suo arrivo a Houston è un mistero. Lentamente Amy si lascia andare e s’innamora. Lei è l’altro capo del filo rosso che lega il loro destino di anime gemelle, le dice Cai una sera. Il giorno dopo però, scompare nel nulla… Chi è, allora, quel ragazzo che Amy incontra quattro anni dopo? Che ha un nome diverso ma è identico a Cai?

"Eri mia prima ancora che nascessi.
Ero tuo prima ancora di esistere.
È un filo rosso quello che ci lega stretti.
Cuore contro cuore.
Due nell'infinito…”

Tenetevi pronte ad una lettura che vi scalderà il cuore…

Amy e Cai non si conoscono, non si sono mai visti prima, ma un incontro fortuito o forse legato dal destino li porterà sulla stessa strada e da quel giorno niente sarà più lo stesso. Amy è una ragazza di ventiquattro anni, la sua vita è volutamente scandita da una ben programmata routine volta a tenere tutto sotto controllo, la sua non è una mania, ma solo il modo di difendersi da quei continui attacchi di panico, causati da un' infanzia brutale che le ha lasciato delle cicatrici nell’anima e dalla quale non è ancora guarita. Niente e nessuno può e deve intaccare i suoi schemi mentali, perché anche un minimo cambiamento potrebbe minare a compromettere il suo già precario equilibrio emotivo. La vita fino ad oggi purtroppo le ha riservato solo astio e solitudine, motivo per il quale è diventata la donna che è: taciturna, spesso scontrosa, con difficoltà a relazionarsi con gli altri,  tranne che per il padre e la sua migliore amica, i quali, spinti da un bene incondizionato, l'accettano per come è.  Finché un giorno incontra Cai, “il ragazzo con il sole in tasca", la sua solarità è contagiosa, i suoi modi dolci e gentili riuscirebbero persino a sciogliere i ghiacciai. Lui fa il cameriere nel ristorante proprio di fronte a dove lavora Amy, e nel quale lei pranza rigorosamente tutti i martedì, con l'unica differenza che lei non lo aveva mai notato prima, invece Cai, è stato attratto da quella ragazza dal primo momento che ha messo piede nel locale.


«Spiare? No, non è quello che ho fatto. Io ti ho solo osservata, come si fa con gli alberi e il cielo»

Poco a poco Cai riuscirà con i suoi docili modi, a disseppellire quelle emozioni che per autodifesa Amy tiene segregate in fondo al suo cuore, ma la strada non sarà semplice, poiché Amy non è ancora pronta ad un cambiamento del genere, ha timore di quel sentimento che come un fiore, pian piano sta sbocciando dopo un lungo e freddo inverno. Cai è la sua variabile incontrollata, “ un elemento di caos” nella sua vita, e non sarà semplice per lei resistergli, intrappolata com’è, tra la costante paura di un ingombrante passato che non vuole saperne di lasciarla andare e il timore di soffrire nuovamente, limitandosi cosi ad una mera “sopravvivenza”. Ma Cai non demorde, ha tutte le intenzioni di sconfinare il suo mondo, nonostante lei gli faccia credere  di non poter essere la bellissima persona che lui scorge ogni volta che il suo sguardo la penetra fin dentro l'anima.


«Se me lo permetti, vorrei poter sopravvivere con te allora». Quelle parole scivolarono nella mia testa come dannatamente buone. «Ti prometto che sopravvivremo insieme, fino a quando non sarai pronta a vivere davvero».

Con questa promessa si suggella così un patto d'amore silenzioso,  fatto di parole e gesti delicati, e al tempo stesso profondo e potente. Ma qualcosa sta per abbattersi sulle loro vite, perché anche Cai ha dei segreti ben custoditi, e così da un giorno all'altro senza un motivo nè una spiegazione sparisce completamente dalla vita di Amy, lasciandola sola e sofferente per quella perdita inaspettata. Pochi anni dopo, quando la sua vita sembra riappropriarsi di una parvenza di normalità, ecco che incontra un ragazzo la cui somiglianza con Cai è sorprendente, ma lui non ha nulla di Cai, i suoi gesti, i suoi comportamenti, sono l'esatto opposto. Ma una sensazione incontrollabile la spinge verso di lui, forse il desiderio di rimanere aggrappata al ricordo di quell'amore perduto, o forse è solo attrazione, sta di fatto che dopo il loro incontro la vita di Amy verrà stravolta nuovamente.

Questa libro non mi ha lasciato un attimo di respiro, sono stata da subito affascinata dalla tenerezza con cui è iniziata questa bellissima storia d'amore, piccoli ma significativi gesti, frasi piene d'affetto  e sentimenti puri mi hanno coinvolta in modo totale, trovandomi spesso a sorridere e facendomi venire i famosi “occhi a cuoricino". Il libro parte in sordina e con un lungo flashback ci troviamo a vivere questa intensa e delicata storia che nasce lentamente e cresce sempre più forte pagina dopo pagina, dandoti modo così, di vivere appieno tutte le emozioni che l'hanno caratterizzata. Ho avuto da subito una forte empatia con i protagonisti, e ho adorato follemente Cai che con la sua premura e la sua dolcezza si è guadagnato ufficialmente un posto nel mio cuore. Amy, dal suo canto, non è stata da meno, ho compreso tutte le sue frustrazioni e paure, ed ho gioito con lei quando finalmente si è lasciata andare. Credo non sia semplice per chi ha avuto un' infanzia infelice approcciarsi in modo positivo e fiducioso ad altre persone. Lo stile dell'autrice è stato impeccabile, è come se con le sue descrizioni dettagliate e introspettive riesca a condurti per mano in tutto il romanzo. La prima parte del libro, quella riguardante il flashback, è stata pura poesia, la delicatezza con cui ha raccontato questa storia è stato come un balsamo per la mia anima. Ma non lasciatevi ingannare, perché se a primo impatto vi fosse sembrato tutto rose e fiori, ecco che gli eventi prendono una piega inaspettata, tutto si stravolge e vi troverete di colpo catapultati in una dura e cruda realtà. Purtroppo non posso svelarvi di più di quanto abbia già detto, non per timore di fare spoiler, ma per non privarvi di quella suspense che caratterizza tutta la seconda parte del libro. Se inizialmente avrete dei dubbi su dove vorrà andare a parare la storia, poco a poco riuscirete a mettere tutti i tasselli al loro posto. Inoltre ho apprezzato tantissimo la volontà dell'autrice di sensibilizzare i lettori attraverso temi attuali ed importanti come la violenza e il bullismo, che pur essendo solo accennati sono stati trattati con grande maestria. Grazie a questo romanzo mi sono immersa più a fondo nell'affascinante cultura orientale, e nella “ leggenda del filo rosso", elemento predominante del libro.


 «Secondo la leggenda, il Dio della luna lega un invisibile filo rosso alla caviglia di due persone, destinate a stare insieme, qualsiasi cosa succeda. In Giappone invece si dice che il filo sia legato al dito mignolo», raccontò sorridente, piegando il mignolo avanti e indietro davanti i miei occhi. «In ogni caso, la linea rossa di Yuè Lăo unisce due anime gemelle l'una all'altra...il loro legame è indistruttibile». Si avvicinò al mio viso e lo accarezzò delicatamente.

Gli unici difetti che personalmente ho trovato nel romanzo, sono stati l’assenza del punto di vista di Cai, avrei voluto veramente tanto entrare nella sua testa per capire le sue emozioni. E l'epilogo, a mio parere un po’ frettoloso, non ha reso giustizia a un libro che fino a quel momento è stato un susseguirsi di emozioni. Ma non lasciatevi influenzare da questi miei disappunti che sono puramente soggettivi. Mi sento di fare veramente i miei complimenti all'autrice e assolutamente di consigliare questo libro, soprattutto a chi, come me, ha un animo romantico. Lasciatevi trasportare in questa dolcissima storia d'amore, ne rimarrete sicuramente soddisfatte.


Giulia Ross è nata a Milano nel 1981. Si è laureata in Biotecnologie e ha proseguito i suoi studi con un dottorato di ricerca in Immunologia. Insieme al suo amore per la scienza coltiva da sempre le sue due grandi passioni: la musica e la scrittura. La Newton Compton ha pubblicato con successo Ho scelto te e Una notte per non dimenticarti.


Nessun commento:

Posta un commento