Ultime recensioni

giovedì 16 marzo 2017

UNA BOULE DE NEIGE PER S.VALENTINO di Samantha Lombardi



Patrick Duboiseiker, noto per la sua bellezza e l'alone di mistero che lo circonda, è uno dei più famosi Dreiker che abbia mai solcato i Sette Mari di Idirion.
Renèe Beumont è una giovane restauratrice, molto apprezzata nel suo ambiente, e specializzata nel recupero di oggetti esoterici ed oggetti medievali.
Le loro strade sono destinate ad incrociarsi magicamente, come i loro Mondi: distanti ma allo stesso tempo vicini.
Tra la passione che esplode sconvolgendo le loro vite e le incomprensioni che minacciano la loro storia appena nata, riusciranno a spezzare la maledizione che lega Patrick ad una delicata boule de neige?

“Giovane Dreik, voglio predirti il futuro… Le tre benedette Serioi parlano attraverso di me. La tua vita sarà lunga e benedetta dagli Dei. Sei il prediletto della dea Pelthya, lei ti concederà l’amore che cerchi, ma non sarà in questo mondo. Ricordati Dreik: la tua vita sarà lontana da questo mare”.


Profezie, streghe dispettose, capitani impavidi, dei bizzarri e capricciosi, sono questi gli elementi presenti in questa favola contemporanea dal sapore romantico. Il protagonista maschile della storia è il comandante Patrick Duboiseker il cui destino appare segnato. Una maledizione, infatti, si abbatte su di lui un attimo dopo aver rifiutato le avances della strega Gayla. L’affronto richiede un tributo alto poiché non è permesso a nessuno, neanche a lui, di farsi beffe di una strega potente. Tuttavia non esistono proposte, per quanto allettanti, che possano far vacillare l’integrità del comandante. Per un uomo di mare come lui, la fiducia è fondamentale così come la lealtà.
«Ancora voi? Vi ho già detto che né io né la mia famiglia vogliamo avere a che fare con voi o con il vostro assurdo piano!» tuonò Patrick.
«Ne siete proprio sicuro?» chiese lei mentre si avvicinava pericolosamente a lui.
«Sì! Voi siete una strega! Non tradirò mai la fiducia e l’amicizia che mi lega ai Ridirì Crann Lasair» disse Ptrick mentre la strega si avvicinava sempre di più «Preferirei morire piuttosto!»


Gayla però non si arrende, conosce bene la fama di seduttore di Patrick e ne approfitta offrendo se stessa. Purtroppo anche questo estremo tentativo si conclude in un fallimento e per il bel comandante dei Dreiker non ci sono più speranze.

«Ecco la fine che fanno coloro che mi respingono e che si oppongono al mio volere!» disse Gayla mentre raccoglieva la delicata sfera di vetro in cui aveva appena imprigionato Patrick. La osservò per un po’ poi la scagliò in mezzo alle onde. Un lampo di luce avvolse la piccola sfera di vetro mentre iniziava ad affondare nelle profondità dell’Oceano.

Vendetta è fatta! Mai mettersi contro le streghe, il più delle volte non rispondono come vorremmo, sarà perché nessuna di loro possiede il senso dell’umorismo, ci avete fatto caso? 


Ad ogni modo, andiamo avanti a conoscere il personaggio femminile. La bella e intelligente Renée Beaumont trascorre alcuni giorni nella città dei suoi sogni, New Orleans. La sua è una vacanza speciale, un viaggio premio meritato dopo il diploma, e per una come lei, appassionata di storia e con una predilezione per il mondo esoterico, quel posto è l’ideale. Vagando tra musei e negozietti di antiquariato, Renée scopre storie affascinanti e oggetti particolari. Ed è proprio in uno di questi negozi che la nostra eroina si imbatte in una boule di vetro dal contenuto molto originale.

Renée continuò a gironzolare per il negozio, curiosando qua e là tra gli scaffali, fino a che non si fermò ad osservare una strana boule de neige. Era sempre stata attratta da quel tipo di oggetto, ma questo era di sicuro la più particolare che avesse mai visto: la base rappresentava il ponte di una nave e il personaggio all’interno era un giovane pirata dagli straordinari occhi verde smeraldo con i lunghi capelli neri, che fluttuavano al vento.


Spinta dalla curiosità e solleticata dalla leggenda che l’accompagna, Renée compra la boule e se ne ritorna a Parigi. Pur non credendo molto alla diceria secondo la quale la luce della luna potrebbe liberare l’uomo imprigionato nella bolla di vetro, la ragazza, una volta tornata a casa sua, pensa bene di conservare l’oggetto lontano dalla finestra. Ma come spesso succede, il destino ci mette lo zampino, o meglio la gatta, e… voilà! Il bel Patrick si svela in tutta la sua avvenenza. Mi fermo qui perché non voglio togliervi il piacere di scoprire come andrà a finire. Vi dico soltanto che la maledizione che perseguita il comandante complicherà molto le cose e influenzerà il finale. Come potete vedere, la suspense è assicurata.


«Beh in effetti c’è dell’altro mademoiselle… si dice che l’uomo può essere liberato in una notte di luna piena, ma la sua libertà è temporanea, durerà solo 48 ore… a meno che…» rispose l’uomo lasciando la frase in sospeso.

«A meno che… cosa?» lo incalzò Renée.

«A meno che la persona non sia disposta a rischiare di vederlo scomparire davanti ai suoi occhi o persino ucciderlo nel tentativo di liberarlo distruggendo la boule»

Il racconto è gradevole e ben strutturato: il connubio tra i due mondi, quello fantastico da una parte e quello umano, dall’altra, risulta, come sempre, una formula vincente. Il pericolo di cadere nel banale, però, visto l’argomento trattato, è alto. La letteratura, infatti, è piena di maghi, dei ed eroi, le loro vicende sono state analizzate e raccontate in tutte le salse. Se non si fa galoppare la fantasia si rischia di non riuscire a entusiasmare chi legge. Per fortuna non è il caso della nostra autrice, la quale ha creato indubbiamente un mondo davvero originale, parallelo al nostro, Idirion, in bilico tra il presente e il passato. Idirion è governato da tante divinità, tutte importanti, tra queste segnalo Gothar, il dio della gelosia, sposato con Iphyne, dea della bellezza; e ancora Leros, dio della passione sessuale, sposo di Peltya, dea dell’amore. E ce ne sono ancora altri, tutti pronti a intervenire e a schierarsi al fianco dell’eroe prescelto.
Molto bella è l’ambientazione iniziale, il veliero sul mare agitato, avvolto nella nebbia è una premessa appassionante per un’avventura incredibile. Per non parlare dell’eroe di turno, un novello capitan Harlock leale, forte e, manco a dirlo, bellissimo. La sua lotta contro le forze maligne non può essere vinta se non con l’intervento divino. Si ritrova quindi a Parigi, in una dimensione a lui sconosciuta, e con l’aiuto di Renée vive due giorni intensi. Il sogno che diventa realtà, un passione che divampa, un desiderio che si realizza. E tutto questo accade a Parigi, la città dell’amore per antonomasia, lo sfondo ideale per una favola di S. Valentino.
 
Samantha Lombardi è un'archeologa laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente presso l'Università di Roma La Sapienza. Da sempre appassionata di libri e amante soprattutto dei generi fantasy, urban fantasy, young adult, erotic romance e gialli. Ha deciso finalmente di mettersi in gioco come scrittrice.


Nessun commento:

Posta un commento