Ultime recensioni

martedì 28 marzo 2017

THE NIGHT MARK di Tiffany Reisz



Faye Barlow is drowning. After the death of her beloved husband, Will, she cannot escape her grief and most days can barely get out of bed. But when she's offered a job photographing South Carolina's storied coast, she accepts. Photography, after all, is the only passion she has left.

In the quaint beach town, Faye falls in love again when she sees the crumbling yet beautiful Bride Island lighthouse and becomes obsessed with the legend surrounding The Lady of the Light—the keeper's daughter who died in a mysterious drowning in 1921. Like a moth to a flame, Faye is drawn to the lighthouse for reasons she can't explain. While visiting it one night, she is struck by a rogue wave and a force impossible to resist drags Faye into the past—and into a love story that is not her own.

Fate is changeable. Broken hearts can mend. But can she love two men separated by a lifetime?

Faye Barlow sta annegando. Dopo la morte del suo amato marito, Will, non può sfuggire al proprio dolore e per la maggior parte dei giorni riesce a malapena a scendere dal letto. Ma quando le viene offerto un lavoro di fotografare le coste frastagliate della Carolina del Sud, lei accetta. La fotografia, dopo tutto, è l'unica passione che ha lasciato.

Nella città dalla pittoresca spiaggia, Faye si innamora di nuovo quando vede bel faro ora fatiscente dell’Isola della Sposa (Bride Island) e diventa ossessionata dalla leggenda che circonda La Signora della Luce- la figlia del custode che è morta annegata misteriosamente nel 1921. Come una falena verso la fiamma, Faye è attratta dal faro, per motivi che non può spiegare. Una notte, durante la visita, viene colpita da un'onda anomala e una forza irresistibile trascina Faye nel passato - e in una storia d'amore che non è proprio la sua.

Il Fato è mutevole. Cuori infranti possono essere riparati. Ma lei potrà mai amare due uomini separati da una vita intera?


Chi mi conosce bene sa quanto io ami la scrittrice Tiffany Reisz, la considero una delle migliori penne della nostra era. Attraverso la potenza delle storie narrate e la profondità dei suoi personaggi la creatrice della serie degli Original Sinners si è fatta conoscere in tutto il mondo con romanzi che lasciano il segno. Tra i suoi scritti non troverete mai un libro banale ma solo belle narrazioni che hanno il pregio di emozionare e di toccare le corde più intime del cuore dei lettori. Finora non sono mai rimasta delusa e anche in questo caso, devo dire, la Reisz è riuscita a stupirmi.




THE NIGHT MARK narra la storia di Faye Barlow, una giovane fotografa, vedova da quattro anni. La morte del marito l’ha fatta sprofondare nel buco nero dell’angoscia. Will rappresentava il suo mondo, il ragazzo premuroso oltre ogni dire, lo sportivo professionista, l’amante appassionato, l’amico del cuore, il compagno favoloso. É difficile ora per lei andare avanti, sembra quasi che la sorte si diverta ad accanirsi contro di lei: cosa si può chiedere di più a una donna che ha subito due aborti? E se a questo aggiungiamo il fallimento del secondo matrimonio, riusciamo a giustificare il suo desiderio di vivere nei ricordi, quelli almeno non scompariranno mai.
“You can’t live in the past. It’s no living. The past is dead,” he said, his hand on her face. It did nothing to confort her.“Everything I love is dead.”
Ma la vita va avanti, non le permette di fermarsi. A Faye viene prospettato un nuovo lavoro: scattare foto delle bellissime spiagge della Carolina del Sud da inserire in un calendario annuale della Società per la conservazione di piccoli paesi: “viaggio attraverso il tempo”. Forse è l’occasione giusta, la svolta necessaria, l’opportunità per lasciarsi alle spalle il superfluo. Senza pensarci troppo Faye accetta e parte, ignara di ciò che le ha riservato la sorte.

"I miss working." She said that out loud because Richard's email reminded Hagen telling her she shouldn't. "But you don't want me to work. it makes you look bad in front of your boss because he's a chauvinist"."He's old fashoned. That's all.""And you say I live in the past."


Attratta dalla bellezza dell’isola della Sposa (la ricordate, La Bride Island de IL LADRO DI RICORDI?), davanti all’imponenza del faro spento da anni, Faye si lascia incantare dalla storia della Signora della Luce, la figlia del custode, vissuta nel 1921. Durante le ricerche trova una foto e un dipinto, rispettivamente del custode del faro e di sua figlia, morta annegata. Rimane sconcertata di fronte ad una scoperta sconvolgente: l’uomo della foto è Carrick Morgan ed è la copia sputata di Will mentre la ragazza ha il suo viso.




Ci deve essere una spiegazione, pensa Faye giocherellando con l’anello di Will, ferma sul pontile vicino al faro, un attimo prima che un’onda anomala la sommerga e la trasporti nel passato. Faye si ritrova inspiegabilmente nel 1921, consapevole che quella che sta per vivere è la vita di Faith Morgan, la Signora della Luce. 

Che vuol dire tutto questo? Per Faye è solo un mistero che non riesce a comprendere. Una cosa è certa, accanto a Carrick sta bene, è protetta, si sente a casa. Ma Carrick non è Will e lei non è Faith e quella non è la sua epoca. Allora, perché è lì, e soprattutto perché continua a viaggiare tra passato e presente? Cosa cerca?

Ve lo chiederete anche voi e non vedrete l’ora di scoprirlo…

THE NIGHT MARK, dunque, è un romanzo diverso, intenso e appassionante, quasi magico, oserei dire. L’alone di mistero rende la vicenda interessante, strega il lettore, il quale non può fare a meno di chiedersi come andrà a finire. Sullo sfondo dell’isola della Sposa, i personaggi si muovono tra passato e presente, in cerca di se stessi. 

Faye è una donna infelice anche se non debole, il dolore l’ha segnata nel profondo e non c’è nulla al mondo che la possa consolare. Non crede in niente, non sa pregare e non ha nessuna fiducia nel futuro. L’incontro con Pat Cahill, il prete del posto, ora in pensione, e autore del dipinto, rappresenta la molla verso la speranza. Pat è testimone di ciò che sta vivendo Faye, sa ascoltarla, non la prende per matta ma anzi le sta accanto e la sprona ad andare avanti. Quando Faye capisce di essersi innamorata di Carrick, lui la convince a dire la verità.
“Carrick doesn’t know who you are,” he said. “ He thinks he’s in love with his buddy’s young wifw. You deserve better than being loved for something you aren’t. you should be loved for you, as Faye. And Carrick- is not Will. And he deserves to be loved foe who he is, not who he reminds you of…”


Lei non è Faith e Carrick ha il diritto di saperlo. Morgan è un uomo buono, profondamente cattolico, leale e giusto e di mente aperta. Tiene per sé l’amore che prova per una donna sposata e la protegge quando lei gli chiede aiuto e asilo, presentandola agli altri come sua figlia.
“Faith was not his daugther,” Pat said, his voice firm and final. “And Carrick Morgan would never land a hand on a woman unless she wanted his hands on her. He was a good man.”


THE NIGHT MARK è un romanzo curato nei minimi particolari, (ampio risalto viene dato alle differenze tra le due epoche diverse). E quando siamo lì lì per rilassarci la storia subisce un cambio repentino di rotta che ci lascia senza fiato. Ma questa è soprattutto un inno all'amore, quello con la A maiuscola, abbastanza forte da superare le barriere del tempo. É il segnale nella notte, la luce della speranza.
“Hope is something God gives us. Hope is… hope is a bright light on a dark night. If your hope is guiding you into this shore, then this is where you should your anchor”.
Consigliatissimo!




Nessun commento:

Posta un commento