Ultime recensioni

lunedì 6 febbraio 2017

TU SEI PER ME di Jill Shalvis




Un piccolo incidente, un'anatra, due cagnolini, un pingue maialino vietnamita: sono questi gli ingredienti che fanno esplodere l'attrazione fra Lilah Young e Brady Miller. Brady ha fatto ritorno a Sunshine per una breve visita a Dell e Adam, come fratelli per lui, e si è lasciato convincere a rimanere, anche se possiede lo spirito indomito dell'ex militare che non sa fare i conti con i propri sentimenti. Lilah sta ultimando un corso online in scienze animali e non si è mai spostata dall'amena cittadina dove vive e dove sorge il centro veterinario di Belle Haven: un vero e proprio paradiso per uomini e animali. Chimica, attrazione e magnetismo completano la formula della loro imprevedibile passione.
Ciao, Cosmo seguaci... oggi vi parlo di: TU SEI PER ME. Romanzo che avevo letto l'estate passata e riletto per il piacere di recensirlo. Tutti conosciamo Jill Shalvis grazie alla serie Lucky Harbor che ho amato moltissimo, specialmente i primi due romanzi. Tu sei per me invece fa parte della serie Animal Magnetism e narra, nei primi tre romanzi, le vicende del primo fratello non di sangue: Brady. Brady, Dell e Adam sono tre fratelli adottivi ma, mentre il primo si era arruolato nelle forze speciali e poi in marina e aveva lasciato la piccola cittadina di Sunshine, gli altri due sono rimasti e hanno aperto una clinica veterinaria. L'unica presente in zona. Brady, dopo un lasso di tempo lunghissimo, fa rientro a casa e stabilisce che il tempo di permanenza sarà solo un mese, nonostante le obiezioni dei fratelli. Giusto il tempo di sistemare l'elicottero... Ma non avrà neanche il tempo di metter mano sul mezzo che farà la conoscenza di Lilah. Lilah è una giovane donna, un po' maldestra. Vive a Sunshine da sempre e, dopo la morte della nonna, si è trasferita del tutto rinunciando alla maggior parte dei suoi sogni. Così si ritrova a mantenersi da sola negli studi mentre lavora alla pensione per animali che gestisce, ma grazie all'aiuto fraterno di Dell e Adam, riesce a superare le difficoltà anche se è un tipo molto testardo e non ha alcuna intenzione di ricevere l'elemosina anche se i due fratelli compiono quei gesti a fin di bene.


Lei espirò di colpo e arretrò verso la porta. «Non so che cosa significhi.» Lui sì. Significava che era fottuto. «Significa buonanotte.»

 


«Apri gli occhi.» La voce l’accarezzò come una delle sue grandi mani. «Apri gli occhi e vieni insieme a me.» E Lilah lo fece, mentre Brady si muoveva dentro di lei. Aprì gli occhi, intrecciò lo sguardo con quello di lui e il mondo esplose. Lo sentì avvinghiarsi, penetrarla completamente e raggiungere infine un orgasmo lungo e muto.

Tra Brady e Lilah scatterà fin da subito l'attrazione, lui non può evitare di mettergli le mani addosso e viceversa. Entrambi sono consapevoli che Brady una mattina, terminato il mese, se ne andrà nonostante tutto quello che tra loro si sta creando: dall'intesa di coppia all'intensità dei loro sguardi. Non riusciranno a fare a meno l'uno dell'altra. I sentimenti, con il passare dei giorni, saranno sempre più potenti e visibili anche agli occhi degli altri. Cosa succederà dopo quella scadenza? 
Il romanzo è scritto in terza persona e a POV alterni e, come ben saprete, è una cosa che adoro in modo particolare. Il 4/2 uscirà il secondo romanzo della serie dove conosceremo più a fondo Dell e Jade che abbiamo conosciuto in questo romanzo. E' un romanzo molto Harmony ma dovete leggere la Shalvis, come la Gibson o la Foster. 

«Non sono mai stato innamorato.» Rimasero in silenzio. Discorso chiuso, pensò Lilah. «Ma tu» riprese lui «tu, Lilah, mi spaventi a morte.» «Perché?» sussurrò. Brady incontrò il suo sguardo e lo sostenne. «Perché di te potrei innamorarmi. Perdutamente.» Lei non riusciva più a respirare. «Cosa ci sarebbe di sbagliato?» «Soffocheremmo.»



Nessun uomo le aveva mai detto nulla di simile. Brady era così. Freddo e distante. Duro e spigoloso. Intelligente come il demonio e coraggioso come nessuno. Trasudava testosterone e pericolo da tutti i pori.



Nessun commento:

Posta un commento