Ultime recensioni

lunedì 11 luglio 2016

IL SILENZIO DEL PECCATO di Linda Bertasi



TITOLO:Il silenzio del peccato

AUTORE: Linda Bertasi

EDITORE: Delos Digital

ANNO: 2015



PAGINE: 99

ISBN:
B01710SPJE
 
FORMATO: Ebook

PREZZO: € 2,99

DOVE TROVARLO: AMAZO
N, KOBO, GOOGLE PLAY, IBS, MONDADORI STORE e in tutti i BookStore.




Essex 1522. Jane Rivers ha solo sedici anni quando incontra Charles Brandon, il duca di Suffolk. Una tempesta fortuita li costringerà a ripararsi in un capanno tra i boschi e la passione li travolgerà. Ma Jane è una serva e Charles un duca, non c'è spazio per l'amore. I genitori della ragazza, per nascondere l'onta, la costringeranno a un matrimonio riparatore con il promettente avvocato e amico di famiglia Richard Howard. Per Jane una nuova vita si profila all'orizzonte e una tenuta opulenta in cui trascorrerla. Ma cosa nasconde questa villa e perché un gentiluomo dovrebbe scegliere di dare scandalo e sposare una contadina? Cosa si cela dietro gli incubi che da anni tormentano Jane e che riaffioreranno non appena varcata la soglia di Manor House? Nell'Inghilterra di Enrico VIII tra seduzioni e inganni, una storia di passione e omertà che affonda le sue radici nel silenzio. 



Ama, ama follemente, ama più che puoi 
e se ti dicono che è peccato ama il tuo peccato e sarai innocente.’

William Shakespeare.

Quale incipit migliore  che un azzeccatissimo aforisma di William Shakeaspare per introdurre la recensione di oggi. Amare non è mai peccato, semmai lo è amare la persona sbagliata ed è quello che accade alla nostra protagonista. Ma quando il destino ci mette la mano, in quel preciso istante in cui lei meno se lo aspetta, le carte della vita si mescolano sul tavolo da gioco: la scala minima di picche batte la scala massima di cuori (regola beffarda del poker), il Re di cuori perde il suo smalto mentre il Re di picche trionfa leggiadro e voluttuoso prendendo possesso di quel cuore che insegue da tutta la vita.


Il romanzo è ambientato nell’Inghilterra del XVI° secolo, un periodo storico molto movimentato durante il quale Re Enrico VIII ripudiò la legittima consorte Caterina d’Aragona, colpevole di avergli dato solo figlie femmine,  per sposare Anna Bolena, sorella di una delle sue amanti. Di seguito, sotto l’influenza di Anna e perseguitato dal Clero per il divorzio dalla cattolicissima Caterina, decise di sottrarsi all’autorità del Papa e di Roma per fondare una Chiesa tutta sua, gettando le basi per la nascita della Chiesa anglicana d’Inghilterra. Anche Anna Bolena non riuscì a generare figli maschi e, a seguito di ciò e del suo carattere forte, altezzoso e litigioso perse il favore del Re, fu accusata di stregoneria e finì con l’essere decapitata alla White Tower di Londra nel 1536. Una fine orribile per una Regina intelligente e intraprendente ma mai veramente amata dal suo popolo.

Mai permettere a un uomo di trattarti come una sgualdrina, soprattutto se l’uomo in questione è un re. È un’etichetta che marchia la pelle e non si rimuove con l’acqua. − La donna entrò nella camera. − Il mio nome è Anna Bolena. − Abbozzò un inchino.


Jane, la protagonista di questo romanzo, è figlia di una famiglia di contadini e vive nelle campagne intorno a Londra. Il suo destino è quello di diventare una bracciante o al più una servetta. Jane però possiede una bellezza mozzafiato e un passato occulto che scopriremo solo alla fine del racconto; sarà proprio questo passato a dare senso a tutta la storia. Durante una scorribanda, da sola nel bosco, Jane  incontra l’affascinante duca di Suffolk e completamente ammaliata dal fascino e dal carisma del nobiluomo finisce col farsi sedurre da lui. La passione divampa tra i due e le conseguenze di quell’atto consumato furtivamente  finiranno col segnare pesantemente il destino di Jane, imprigionata per lunghi anni tra le maglie di un amore senza speranza.

L'autrice calca il dito anche su quanto fossero poco considerate le donne in un'epoca in cui la virtù e la bellezza erano usate come merce di scambio per consentire alle famiglie di migliorare il proprio tenore di vita. Quando Jane racconta alla madre della sua avventura, l'unico consiglio che riceve è quello di servirsi della propria femminilità per assicurarsi la protezione di qualche nobile. Obbligata a piegarsi al Re, ma profondamente disgustata dalle attenzioni subite da Enrico, Jane torna da corte con la coda tra le gambe ed è costretta ad accettare la proposta di matrimonio di Richard Stafford, un avvocato amico di famiglia e unico suo pretendente.

“Vedi di giocartela. Il potere di una donna è custodito tra le sue gambe e la debolezza di un uomo non riposa in un luogo tanto dissimile. Possono sembrarti forti, impavidi e violenti ma il loro cervello non ha niente a che vedere con una testa ricoperta di capelli. Credimi, figlia mia, quella serve solo a sostenere loro il collo!

Il loro matrimonio inizia in sordina, Richard è gentile e appassionato e Jane si stupisce di provare, quando giace con lui, quel piacere e quella passione che pensava soltanto Charles potesse risvegliare. Questo non le impedisce di trascorrere lunghi anni nel rimpianto di quel giovane cavaliere, biondo e bellissimo, che si è preso la sua innocenza, un pomeriggio nel capanno di caccia del Re. Il matrimonio, i figli, la gelosia nei confronti di Mary che tenta in ogni modo di portale via il marito, sono gli ingredienti di una vita che sembra scorrere mentre Jane e Richard sopravvivono, piegati alle convenzioni sociali e a un matrimonio di convenienza.



Linda Bertasi è maestra nello svelare lentamente le carte del suo mazzo. Servendosi di Jane, dei suoi ricordi, dei rimpianti e delle paure, conduce il lettore in un cammino che, attraverso lunghi anni, fino al giorno della morte di Charles, svela un doloroso segreto accuratamente custodito da Richard e rivela a Jane cosa si nasconde per davvero laggiù, nel profondo del suo cuore. Leggendo si intuisce la presenza di qualcosa di clamoroso, seppellito nel passato di Jane, ma niente trapela fino alle pagine finali e la curiosità di scoprire si unisce all'incanto di immergersi tra le spire di un passato mai neppure lontanamente immaginato.

Un racconto intriso di sentimenti; odio, amore, passioni e gelosie, stupendamente incastonati in un periodo storico famoso per dissolutezza e lussuria. Personaggi ben impostati, interessanti, qualche scena qua e là di sesso appassionato, precisi riferimenti storici  e quell' intrigante alone di mistero tipico delle storie di Linda Bertasi, vi terranno incollati alle pagine fino al sopraggiungere della parola fine.







  IL PROFUMO DEL SUD : Recensione con intervista


LINDA BERTASI nasce nel 1978. Appassionata di storia e letteratura inglese, sviluppa sin dalla tenera età una spiccata predisposizione per le materie umanistiche.
Scrive sotto pseudonimo sul sito
ScrittoriEmergenti e, qui, una delle sue poesie Un bel paio di scarpe viene utilizzata dal coreografo Rossi in una rappresentazione teatrale.
Nel Gennaio 2010, pubblica il romance contemporaneo
 Destino di un amore (La Caravella Editrice), cui fa seguito nel Febbraio 2011 il paranormal-romance Il rifugio - Un amore senza tempo (La Caravella Editrice) che le vale, nel 2012, la Medaglia d'Argento al XXIII Premio Letterario 'Valle Senio'.
Nel Maggio 2013, pubblica il romanzo storico sentimentale
 Il profumo del sud (I EDIZIONE, Butterfly Edizioni) che le vale la qualifica con merito di 'Autore commendevole' al VII Premio Letterario Europeo 'Massa città fiabesca di mare e marmo'.
Sempre nel 2013, ha curato diverse prefazioni per i romanzi di Emanuela Rocca e Laura Bellini.
 
Dal Febbraio 2013, gestisce il suo blog
 Linda Bertasi Blog dove da ampio spazio agli emergenti con segnalazioni, interviste e recensioni GRATUITE.
Dall'ottobre 2014 è membro dell'associazione EWWA in qualità di SOCIA ORDINARIA.
Nel Novembre 2014, pubblica il paranormal-fantasy
 L'erede di Tahira (I EDIZIONE, Buttrfly Edizioni).
Dal gennaio 2015 è membro dell'amministrazione del gruppo Facebook dedicato al romanzo storico
 Io leggo il romanzo storico. 
Nel maggio 2015 partecipa all'antologia EWWA
 Italia: terra d'amori, arte e sapori con il racconto La dama di Ferrara e all'antologia EWWA Ricette dall'Italia: terra d'amori, arte e sapori con la ricetta La tenerina ferrarese, quest'ultima tradotta anche in inglese.
Nel giugno 2015 esce la II EDIZIONE del suo romanzo storico sentimentale
 Il profumo del sud e nel settembre 2015 partecipa all'antologia Profumi di Storia e d'estate ideata dal gruppo Io leggo il romanzo storico. 
Nell'ottobre 2015 esce il romance storico erotico
 Il silenzio del peccato (Delos Digital). 
Scrive sul web-magazine Io Come Autore dove cura personalmente la rubrica "Il romanzo Classico", sul magazine "Pink Magazine Italia" in qualità di recensionista e sul web-site "Velut Luna Press" in qualità di redattrice.
Collabora con le case editrici
 "Agenzia Letteria Jo March" "Faust Edizioni", "YouFeel - Rizzoli"e "Libro Aperto International Publishing", con il blog letterario "Destinazione Libri".
Proprietaria di una piccola realtà commerciale nella provincia di Ferrara, vive assieme al marito e alla figlia.


3 commenti:

  1. Ho la pelle d'oca. Grazie a uno dei migliori blog che io conosca.

    RispondiElimina
  2. Ho la pelle d'oca. Grazie a uno dei migliori blog che io conosca.

    RispondiElimina
  3. Grazie Linda, a nome di tutto il blog <3

    RispondiElimina